Logo
Logo
Logo

Come un sistema HVAC integrato permette di ottenere il massimo comfort grazie ad un consumo energetico minimo

Il cambiamento climatico è la forza trainante per migliorare la nostra efficienza energetica.
Poiché gli edifici sono responsabili di circa il 40% del consumo energetico nell'UE, è logico rivolgere la nostra attenzione alle principali aree di consumo energetico di un edificio, ovvero riscaldamento, ventilazione e condizionamento. 

Per garantire il raggiungimento degli obiettivi climatici del 2030 e del 2050, i governi dell'UE stanno attuando direttive sull'efficienza energetica volte a ristrutturare il nostro vecchio patrimonio edilizio per trasformarlo in edifici a energia quasi zero e a limitare al minimo assoluto il consumo di energia nei nuovi edifici.
Per dare una spinta in più ai proprietari degli edifici, queste direttive sono spesso combinate con il sostegno del governo.
In Italia, ad esempio, esiste il Superbonus del 110% per le ristrutturazioni sismiche e i miglioramenti dell'efficienza energetica, che equivale a un credito d'imposta pari al 110% delle spese ammissibili.

Sviluppo del prodotto

Sebbene la consapevolezza e gli incentivi siano molto importanti, devono essere combinati con le giuste soluzioni. Un buon esempio di ciò, è il modo in cui le politiche ambientali incentivano la costruzione di impianti fotovoltaici poiché producono energia da una fonte rinnovabile, contribuiscono a ridurre l'impatto ambientale dei nostri edifici e sono quindi un anello importante nel processo di protezione del futuro del nostro uso dell'energia. Altre soluzioni di efficienza energetica che contribuiscono a questo obiettivo sono ad esempio le pompe di calore, il riscaldamento a pavimento, i ventilconvettori ecc.

Sistemi integrati

In Emmeti progettiamo tutte le nostre soluzioni avanzate con una particolare attenzione alla loro facilità d'uso, ma anche alla loro capacità di combinare le migliori prestazioni con il massimo risparmio energetico e il rispetto dell'ambiente.
Ecco perché riteniamo importante guardare oltre ogni singolo prodotto e offrire sistemi integrati . Unendo design innovativo, contenuto tecnologico e vasta esperienza tecnica e industriale in un'unica soluzione di sistema, le opportunità di risparmio energetico sono di gran lunga maggiori rispetto a quando ci si affida alle prestazioni di un singolo prodotto.

Comfort tutto l'anno

Le pompe di calore, ad esempio, svolgono un ruolo importante nel cambiare il modo in cui riscaldiamo i nostri edifici poiché traggono energia dall'aria, dal suolo o dall'acqua e producono una produzione di energia utilizzabile da due a quattro volte superiore a quella che consumano in energia elettrica. Tuttavia, per ottimizzare l'efficienza di una pompa di calore è necessario un sistema di riscaldamento progettato per funzionare con basse temperature di mandata come il riscaldamento a pavimento. Inoltre, mentre un sistema di riscaldamento a pavimento offre un ottimo comfort interno durante la stagione invernale, è probabile che sia necessaria un'altra soluzione per il raffreddamento in estate, a meno che non si abbini il sistema di riscaldamento a pavimento con una pompa di calore reversibile per creare un raffreddamento a pavimento. In tal caso, è importante installare anche un sistema di controllo dell'umidità con un sensore e deumidificatori per evitare l'umidità. 

Qualità dell'aria interna

Sebbene la temperatura ambiente svolga un ruolo importante nel comfort climatico interno, la qualità dell'aria interna non va certamente dimenticata. La nostra attenzione all'efficienza energetica ci porta a isolare meglio i nostri edifici, ma questo rende più difficile lo smaltimento di umidità, odori e inquinanti prodotti dalle nostre attività quotidiane. Un innovativo sistema di ricambio d'aria con recupero di calore può fornire le giuste condizioni salvaguardando l'efficienza energetica in quanto recupera il calore dall'aria interna prima che venga espulso.

Caso di ristrutturazione

Un ottimo esempio di come una soluzione di sistema integrato possa aiutare a ottimizzare sia il comfort che l'efficienza energetica è la ristrutturazione energetica di una casa di 366 m2 situata a Dovadola, di cui parliamo qui .

Prima della sua ristrutturazione questo edificio era in classe di efficienza energetica G e necessitava di 307,82 kWh/m2 di energia non rinnovabile ogni anno. Ciò equivaleva a non meno di 25.000 kg di emissioni di CO2. Per dare una svolta a questo edificio e renderlo a prova di futuro in termini di consumo energetico, gli esperti HVAC di Emmeti hanno proposto una soluzione completa, che include nuovo isolamento, pannelli solari (fotovoltaici) e un sistema ibrido composto da una pompa di calore e una caldaia backup per l'uso del radiatore. 

L'approccio sistemico qui ha chiaramente dato i suoi frutti, perché dopo la ristrutturazione l'edificio è stato classificato energeticamente come A4. Ora necessita solo di 27,93 kWh/m2 di energia non rinnovabile all'anno, con una riduzione del 90% delle emissioni di CO2, che ora sono limitate a 2.500 kg. Inoltre, supera di gran lunga il fabbisogno minimo di riscaldamento, raffrescamento e acqua potabile che dovrebbe provenire da fonti rinnovabili per il 50%. Abbinando i pannelli solari ad una pompa di calore, ora il 65,6% del fabbisogno energetico totale è coperto da fonti rinnovabili.

Per completare il tutto, è stato installato il sistema di regolazione FEBOS che aiuta a gestire l'inerzia dell'edificio e ad aumentare l'uso dell'energia autoprodotta. Visualizzando il flusso di energia, aiuta gli utenti a sfruttare al meglio l'energia solare prodotta, minimizzando l'uso di energia non rinnovabile e riducendo le emissioni di CO2. In questo caso FEBOS ha contribuito ad aumentare la percentuale di energia autoutilizzata da un normale 20% a 42% o più.